“Made in Meda” la scuola e la formazione dei giovani raccontante dalle protagoniste: intervista a Cristina Pasquini e Francesca Ronzoni

Quando diciamo che “Il Futuro del Design ha già mille anni” (sottotitolo del libro di Filippo Berto “Made in Meda”), intendiamo in realtà un concetto molto profondo e importante.

Perché quei “mille anni” si possono contare meglio, in modo più significativo, in “generazioni”.

Cioè in madri e padri che hanno tramandato ai figli, e ai figli dei figli, e poi ancora ai figli dei figli dei figli – e avanti così per secoli – quello che noi oggi chiamiamo “Design“.

Tutto ciò significa che la storia del Design, della manifattura, dell’eccellenza Made in Meda, è fatta di persone, e a quelle persone qualcuno ha insegnato a lavorare.

L’avete capito: protagonista tra i più importanti del Made in Meda – e naturalmente anche del libro – è la Scuola.

La formazione dei giovani è uno dei punti chiave di tutto il ragionamento che ha portato Filippo Berto a concentrarsi in modo molto preciso su quello che il territorio di Meda significa, per tutto il mondo, e anche ovviamente per chi lo vive quotidianamente da sempre.

Il significato profondo di essere a Meda e di lavorare a Meda, sta anche nel fatto che qui si imparano le cose giuste.

Qui si insegnano i fondamentali.

Qui si apprende a diventare ogni giorno più bravi del giorno prima.

Tutto questo ha un nome, si chiama, appunto, Scuola, con la S maiuscola.

Cristina Pasquini (direttrice di Afol Monza e Brianza) e Francesca Ronzoni (responsabile CFP Terragni di Meda)

Non è un caso che alla base del lungo percorso di approfondimento sulla realtà – storica e sociale – di Meda che ha portato alla nascita del libro di Filippo ci siano stati ripetuti incontri con le responsabili della formazione professionale delle nuove generazioni in ambito manifatturiero, qui a Meda.

Già conoscevamo Cristina Pasquini e Francesca Ronzoni (rispettivamente direttrice Afol Monza e Brianza e responsabile CFP Terragni), per le numerose occasioni di incontro che da sempre portano i reciproci percorsi professionali a incrociarsi virtuosamente, vuoi per collaborazioni formative, vuoi per interventi dell’azienda BertO presso la Scuola, vuoi perché… non si può lavorare nel Design senza tenere un occhio sempre ben aperto e focalizzato sulle giovani generazioni!

Filippo Berto intervista Cristina Pasquini (direttrice di Afol Monza e Brianza) e Francesca Ronzoni (responsabile CFP Terragni di Meda)

Il libro ci ha nuovamente portato a confrontarci con queste due straordinarie protagoniste, attive quotidianamente con grande determinazione e passione nel trasmettere alle ragazze e ai ragazzi che vogliono intraprendere una professione nel Design oggi un grande patrimonio, non solo di conoscenze, ma anche di ricchezza culturale.

Infatti, come hanno modo loro stesse di raccontare nel video che presentiamo, la tradizione culturale del Made in Meda affonda le sue radici in anni in cui – oltre alle lezioni in laboratorio – la formazione Made in Meda doveva far fronte a richieste che pervenivano da tutta Italia, al punto che era necessario mantenere attiva una struttura di accoglienza permanente per i giovani e le giovani che da ogni parte d’Italia si iscrivevano a questi corsi di formazione.

Naturalmente, data la distanza da casa, questa bella gioventù si doveva fermare a Meda tutto l’anno, appunto soggiornando nell’apposito convitto.

Racconti e testimonianze di un heritage talmente radicato nel territorio che ancor oggi, nell’epoca delle connessioni digitali, lo caratterizza.

Non lasciar perdere tale ricchezza, valorizzarla e tramandarla è – oggi – una nostra precisa responsabilità, come anche il sostegno a tutti i livelli del mondo della Scuola.

Se desideri acquistare la tua copia del libro “Made in Meda – il Futuro del Design ha già mille anni” puoi passare nei nostri Showroom, oppure ==> clicca qui!

Richiedi ora la tua consulenza riservata e realizza il tuo progetto d’arredo Made in Meda con BertO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.