Nel nostro libro “Lo Spirito del 74” si parla anche di soldi.

In ogni attività economica c’è una componente legata al denaro.

A molti livelli e in ogni ambito, questo aspetto è presente, e non vi è decisione aziendale che non sia vagliata attentamente sotto questo profilo, mai.

Ciò non cambia, quale che sia l’impresa, la professione o il mestiere di cui parliamo.
Ciò che cambia, invece, può essere l’atteggiamento verso il valore economico.

Può in effetti variare grandemente… conosciamo tutti qualcuno con un’attitudine spiccata su questo versante, magari orientato a un’eccessiva parsimonia, o al contrario tendente a una tossica leggerezza.

Non è assolutamente facile, mantenere in equilibrio economico un’azienda, e il difficile esercizio dipende in parte anche dall’approccio di chi la gestisce, per quanto riguarda questo importantissimo e delicato valore: i soldi.

Nessuno di noi, in BertO, è “nato imparato”, come si dice, ma abbiamo avuto – questo sì – una gran bella fortuna a nascere dalla competenza e saggezza di due Maestri non solo artigiani, ma anche di vita.

Ci riferiamo ai nostri fondatori Fioravante e Carlo Berto.

Lo Spirito del 74 - parola Soldi

A loro, a tutto ciò che hanno fatto per avviare la nostra Ditta e svilupparla, è dedicato un libro: “Lo Spirito del 74 – 74 parole per vivere felicemente la passione per il proprio lavoro”.

Come dice il titolo, abbiamo trovato 74 parole chiave – prendendo simbolicamente spunto dall’anno di fondazione della BertO, il ’74 appunto – per rendere un omaggio concreto e duraturo, con tutta la forza simbolica di un libro, a Fioravante e Carlo.

E in questo piccolo trattato di “vita e lavoro”, che si propone di indicare, in modo leggero ma non superficiale, i modi e i pensieri per affrontare al meglio una vita di lavoro felicemente appassionata, si parla anche di questo.

E se ne parla – pag. 37 – in un modo apparentemente contraddittorio, così:

Soldi

Non credere a chi ti dice che non sono importanti (E nemmeno a chi dice il contrario).

Ma come – si potrebbe dire – allora: sono o non sono importanti?

È proprio questo il punto.

Fioravante e Carlo, nei molti anni in cui hanno condotto la Ditta che hanno fondato, ci hanno vedere molte volte la duplicità di questo valore: sia la sua importanza indiscutibile, sia la sua relatività, per così dire, mostrando sempre un approccio in grado di vedere oltre.

In altre parole: ci hanno insegnato che i soldi non sono un valore assoluto, ma relativo.

Perché i valori assoluti – quelli che tuttora regolano la vita della nostra Ditta – si chiamano Lavoro, Persone, Futuro.

I soldi, per quanto importanti – anzi: indispensabili – sono un fattore relativo di questi concetti assoluti, ai quali cerchiamo quotidianamente di orientare la nostra operatività.

Ecco perché è bene non dimenticare quanto sono importanti, ma al tempo stesso ricordarsi che non lo sono!

Desideri anche tu un progetto di arredo personalizzato al 100%, pensato esclusivamente per te e realizzato con focus esclusivo sul comfort di casa tua? Richiedi ora la tua consulenza agli esperti arredatori BertO cliccando nel box qui sotto!

Richiedi ora la tua consulenza riservata e realizza il tuo progetto d’arredo Made in Meda con BertO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.