home

We Say

Divani in pelle? Nuove proposte in edizione limitata.

La Collezione Divani in Pelle Limited Edition di BertO si rinnova!

Divani in pelle realizzati a mano con la stessa cura con cui sono stati scelti i rivestimenti, i dettagli che meglio si sposano con la pelle come il taglio vivo, le cuciture pizzicate oppure a due aghi, i colori più contemporanei per arredare la zona giorno e la zona notte della tua casa.

Abbiamo selezionato i migliori grezzi fino alle pelli conciate e rifinite appositamente per calzare ogni singolo modello della nostra collezione, facendo attenzione a valorizzarne ogni singolo centimetro, i volumi, le imbottiture.

La collezione Pelli Limited Edition vanta una selezione di pelli fiore e pieno fiore con massima garanzia sulla qualità, la resistenza e la praticità di utilizzo.

I nostri modelli sono studiati appositamente per essere rivestiti con le migliori pelli: i dettagli sartoriali, come le cuciture a taglio vivo oppure le pizzicate, esaltano un design che già nasce per essere personalizzato secondo i tuoi desideri.

Divano in pelle Time Break con chaise longue pelle pieno fiore limited edition

Perché dunque scegliere la Pelle Limited Edition?

Per avere un comfort morbido al tatto, confortevole e accogliente grazie a una pelle luminosa e resistente

È ideale per un utilizzo quotidiano: si spolvera con un panno asciutto e pulito oppure leggermente inumidito

È indicata per chi soffre di allergie: la polvere non penetra nelle fibre come succede nei rivestimenti in tessuto, ma resta in superficie.

È resistente alla luce e al calore

È realizzata con manti di origine europea allevati al pascolo e conciati in Italia.

Abbiamo scelto personalmente le tinte e i colori per esaltare ogni nostro divano (il divano in pelle con chaise longue Time Break è oggi disponibile nella colorazione che l’ha visto nascere – light grey – anche nella collezione Limited Edition).

Divano time break pelle pieno fiore color light grey

Ogni modello della Collezione Limited Edition è acquistabile online oppure nei nostri showroom Berto Salotti di Meda, Roma, Torino, Noventa Padovana oppure nel punto vendita di Parma.

Parla con Maurizio, Fabio, Donato, Andrea e Marion: saremo felicissimi di supportare ogni tua decisione e accontentare anche le richieste più esigenti.

Scrivi a sevizio.clienti@bertosalotti.it oppure chiama lo 0362-333082.

Divano in pelle Time Break collezione limited edition Berto Salotti

Letto Tribeca in pelle pieno fiore collezione limited edition berto salotti

Divano in pelle ribot cuciture sartoriali

divano chesterfield boston pelle limited promozione berto salotti

Divano moderno Joey in pelle pieno fiore limited edition

Poltrona Vanessa in pelle limited edition promozione berto salotti

poltrona in pelle limited edition hanna promozione berto salotti

Divano letto nemo in pelle limited edition promozione berto salotti

Sette mesi con Donato. Sette mesi di divani BertO a Torino

Sette mesi con Donato e di divani BertO a Torino.

Dalla consegna dei primi divani a Torino sono passati alcuni anni. Ma, dall’apertura del nostro primo showroom Berto Salotti in Piemonte, sono passati solo 7 mesi.

Ci siamo divertiti a tirare un po’ le somme e capire cosa sia successo in questi mesi intensissimi e ricchi di sorprese, fatiche e soddisfazioni. Ma soprattutto, scoprire dalle parole dirette di chi, ogni giorno, apre le porte del nostro mondo alla città.

Partiamo dalle cose semplici: i divani moderni su misura della nostra collezione hanno sbaragliato e superato qualsiasi nostra aspettativa.

Abbiamo avuto modo di ascoltare le esigenze di clienti estremamente sofisticati, con un gusto e uno stile molto elegante.
Abbiamo avuto l’onore di accontentare esigenze progettuali molto particolari, salotti importanti affiancati ad arredi minimal, collezioni tessili e pellami esclusivi per vestire al meglio ogni centimetro dei nostri modelli.

Donato Gentile berto salotti divani torinoShowroom divani a Torino - Berto Salotti

Siamo lieti di aver servito clienti con esigenze uniche, impossibili da realizzare senza la possibilità di personalizzare ogni dettaglio.

Ma si sa, il detto dice: “se non puoi farlo in Brianza, allora davvero quella cosa non esiste!”

La domanda è lecita: come mai dal cuore della Brianza, abbiamo scelto di aprire un punto vendita monomarca, uno showroom proprio nel cuore di Torino?

I clienti che si sono susseguiti in questi anni ci hanno suggerito la risposta, ci hanno indicato una possibilità di costruire qualcosa di importante.

Il nostro desiderio è stato quello di diventare un punto di riferimento per i clienti nella regione, una fonte di servizi e consulenze d’arredo completamente su misura per tutti i tipi di clienti, dai privati agli architetti, per le abitazioni principali oppure per le seconde case o strutture alberghiere.

Abbiamo voluto creare una nuova fabbrica di divani a Torino? No, molto di più.

Abbiamo aperto un vero e proprio luogo di relazione, all’interno del quale il protagonista non porta il nome BertO, ma Laura, Anna, Franco e Roberto.

Insieme ai loro desideri: di rendere la propria casa accogliente, di voler trovare una soluzione che resti negli anni così come l’ha immaginata e scelta, che sia unica e che non ne esista una uguale alla propria.

Grazie a questi sette mesi di lavoro nell’esposizione di divani a Torino abbiamo imparato forse che il nostro modello di divano componibile Time Break forse dovrebbe essere raccontato come il Time Break di Stefano, oppure il divano moderno Ribot di Paola, o il lettino singolo del piccolo Leonardo.

Non ci resta che chiedere a Donato, Direttore del negozio, come siano andati questi sette mesi.

Stay Tuned!

Divani Torino Showroom Berto SalottiShowroom BertO salotti divani TorinoShowroom BertO salotti divani TorinoShowroom BertO salotti divani Torino

Dietro ogni divano c’è una grande mente. Anzi due (che sanno usare perfettamente anche le mani).

Nel grandissimo e talentuoso panorama dei progettisti e dei designer che il nostro paese, l’Italia, può vantare tra le eccellenze che la contraddistinguono, siamo certi che l’incontro tra aziende e professionisti non sia casuale.

Sia piuttosto magico, ma che esige un’attenzione particolare perché è uno degli ingredienti che determina il successo o l’insuccesso di un progetto.

Questo incontro magico, per noi, è avvenuto alcuni anni fa con un giovane ma estremamente esperto studio di design italiano. Brianzolo per la precisione.

Stiamo parlando di Castello Lagravinese Studio, e per la precisione di Alessandro Castello e Mariantonietta Lagravinese.

Letto Chelsea Berto Salotti catalogo 2018

Con loro abbiamo progettato le ultime sette collezioni. Con loro sono nati il divano componibile Time Break e il letto Soho, fino ad arrivare ai più recenti modelli presentati nella Collezione 2018.
Erano al nostro fianco durante i progetti di crowdcrafting e con loro abbiamo stappato la prima birra nella lovingroom BertoLive di Meda.

Con loro abbiamo pensato all’importanza dell’esperienza nei punti vendita, aprendo gli showroom Berto Salotti di Meda, Roma, Torino e Padova.

Insieme a loro nascono le più piccole e semplici foto di prodotto fino al Catalogo BertO 2018 al completo.

A loro abbiamo affidato il ruolo più difficile e complesso: quello del dialogo.

Si, perché il processo creativo, nella nostra azienda, tiene conto di ogni singola fase: il disegno su carta, il primo prototipo, la scelta dei materiali, la minuziosa e costante revisione di imbottiture e comfort, la messa in produzione, la comunicazione e, infine, la gratificazione di vedere il modello nato da tutto questo, in casa dei nostri clienti.

Il dialogo, ancora una volta.

Perché se c’è una cosa che Alessandro Castello è bravissimo a fare, oltre a intercettare esattamente il gusto dei nostri clienti e creare immaginare il prodotto che parli la lingua della Tappezzeria Sartoriale BertO, è proprio questo: sapere dove mettere le mani.

Non si limita alla forma su carta, ma insieme a Mariantonietta Lagravinese segue l’intero processo di creazione, dialogando costantemente con tutti gli interlocutori (i membri del COMITATO per intenderci) fino alla messa a terra nei nostri showroom e nelle case dei nostri clienti.

Abbiamo deciso di creare insieme a loro un filone dove proveremo ad interpretare alcuni segnali, giocare insieme a immaginarci la casa del futuro.

Stay Tuned 😉

Alessando Castello e Mariantonietta Lagravinese art director BertOCastello Lagravinese Studio design berto salotti

 

La prima parola del nostro libro è questa: Papà.

Stiamo scrivendo un libro, come qualcuno sa.

Un libro dedicato alla passione per il lavoro, dedicato alla fortuna – che alcuni di noi di hanno – di potersi occupare di quel che più piace, e vivere per questo una vita più piena, più soddisfacente, più vicina alle proprie inclinazioni.

Avrete già capito – anche se non avete letto la presentazione di questo progetto – che non si tratta certo di un romanzo, né di un’opera di fantasia.

Tutt’altro: si tratta di qualcosa che nasce dalle giornate in ditta, dalle nottate a rincorrere progetti, dal tempo che – quando la passione è a pieno ritmo – sembra non esistere.

E invece esiste… e per ricordarci il tempo in cui tutto questo è cominciato, abbiamo un’espressione, qui da BertO: #Spiritodel74.
Il 1974, infatti, è l’anno in cui tutto iniziò, per noi.

Il libro, giocando sul numero 74, si propone di presentare 74 parole chiave, 74 concetti fondamentali per tutti coloro che – come noi – desiderano “vivere felicemente la propria passione per il lavoro”.

Tutto iniziò, dicevamo, nel 1974, ad opera di due signori, due padri di famiglia di cognome Berto e di nome Fioravante e Carlo.

Capirete ora perché la prima parola di questo libro è “Papà”. 

Perché chi scrive queste righe è un figlio. Perché l’azienda ha due papà, appunto i fratelli Berto. Perché tutto, anche un’azienda, nasce da un genitore, e viene poi passato di mano alle generazioni successive. E qui oggi ci siamo noi, che abbiamo la responsabilità di preservare e far crescere l’incredibile patrimonio che i nostri padri ci hanno consegnato, quello #Spiritodel74 la cui forza generativa sembra non affievolirsi mai, anzi pare rinvigorirsi a ogni stagione.

I fratelli Berto sono i papà della BertO di oggi, e come tutti i bravi padri hanno creato qualcosa non per sé, ma per una famiglia.

Ed essendo l’azienda qualcosa di legato alla società, alla vita di un territorio, a un mondo necessariamente più aperto di un nucleo familiare, la famiglia di riferimento della ditta BertO è sempre stata qualcosa di più della famiglia “di sangue”. 

Territorio, collaboratori, perfino clienti: i papà della BertO sono stati e sono tuttora dei padri che hanno saputo generare valore di ogni tipo – economico, umano, professionale – per una sorta di famiglia professionale allargata.

Per i fini del nostro libro, può essere utile chiederci: in che termini un papà può aiutarci a vivere più felicemente la passione per il lavoro?

Le risposte a questa domanda, certo, possono essere moltissime, ma chi scrive ha solo una limitata esperienza, eppure è proprio da questa limitata esperienza che nasce lo stimolo e la voglia di condividere quella che è una passione fortunata, che ha potuto fiorire ed esprimersi.

Quindi, dal punto di vista dei figli che sono diventati nel frattempo padri, crediamo che il delicato, prezioso ruolo di un padre – per quanto riguarda una passione professionale – non possa essere che uno: l’attenzione intensa, accompagnata alla libertà di scelta.

Nessun figlio ama eseguire ordini, ma tutti i figli avvertono nel profondo l’intensità che viene trasmessa loro, in molte forme. 

Tutto questo attraverso le tante stagioni della vita, dove ogni padre e ogni figlio conoscono l’infinito susseguirsi di tensioni e vicinanze, in un panorama dove lo sguardo “lungo”, quello che ha la prospettiva delle cose, è sempre del padre.

Anche di questa energia, della forza che accompagna lo sguardo lungimirante di un genitore, vive un progetto professionale, sia esso un’azienda o una semplice idea.

Saperlo riconoscere, secondo noi, può essere più che d’aiuto. Prezioso.

BertO salotti meda Team TEAM BERTO SALOTTIGenerazione BertO

Parla con BertO? Non è mai stato così facile!

Ci sono molti modi per parlare con noi.
Di qualsiasi cosa: un divano, un letto, un progetto d’arredo, un contract. Ma anche di libri, dischi e nuovi progetti.

Ecco quindi tutti i modi per parlare con noi.

showroom berto salotti

Dove trovare gli showroom Berto Salotti?

Showroom Berto Salotti Meda, in Viale Piave 18

Showroom Berto Salotti Roma, in via Appia Nuova 1291

Showroom Berto Salotti Torino, in Corso Verona 16

Showroom Berto Salotti Noventa Padovana, in via Maestri Calzaturieri del Brenta 38, all’interno dell’Area Commerciale 177

-nel punto vendita di Sorbolo (Parma) presso Wunder Arredamenti, via Gruppini 32.

Showroom Berto Salotti Noventa Padovana

1- Come telefonare per richiedere un preventivo o informazioni per un progetto d’arredo?
Siamo a tua disposizione allo 0362-333082

2- Voglio scrivervi. A quale indirizzo mail posso inoltrare la mia richiesta?
servizio.clienti@bertosalotti.it
oppure attraverso il form Contattaci qui
oppure compilando il form dei nostri prodotti e cliccando il pulsante invia/parla con noi

3- E per chiedervi informazioni lampo?
Puoi usare la chat attiva sul nostro sito oppure facebook.

4- Sei un architetto, un professionista e cerchi informazioni per progetti business e contract?
Scrivi a servizio.clienti@bertosalotti.it e parla con l’Arch. Carlo Riva.
Possiamo realizzare dal singolo prodotto su disegno fino a intere forniture per alberghi, progettazione di mobili e personalizzazioni dei nostri imbottiti e complementi per realizzare il tuo progetto.

Andrea RossatoTeam Berto SalottiShowroom Berto Salotti TorinoShowroom Berto Salotti Meda Milano

Dal libro di Francesco Cancellato e dalla sua presentazione di ieri sera, abbiamo imparato molte cose. Anche le parole da non usare mai.

Ieri, 27 giugno 2018, nell’area BertoLive dello showroom di Meda , abbiamo condiviso una serata davvero notevole, focalizzata su un libro e il suo autore.

Abbiamo infatti potuto dialogare con il direttore responsabile de Linkiesta, Francesco Cancellato, su diversi temi trattati nel suo ultimo libro “Né sfruttati né bamboccioni – Risolvere la questione generazionale per salvare l’Italia”.

Le due ore dell’incontro, che – lo ricordiamo – si è svolto in piena Brianza un mercoledì sera, e ciononostante ha visto la partecipazione attiva e attenta di un’ottantina di persone, sono state dense di informazioni, dati, e anche di partecipazione emotiva.

Non sono mancate le reazioni del pubblico, ed erano presenti alla discussione importanti figure istituzionali locali, quali l’assessore Andrea Fabrizio Donadello e il vicesindaco Alessia Villa.

Grazie anche alla della bravissima prof. Ivana Pais dell’Università Cattolica, Cancellato ci ha parlato in modo avvincente di un problema che riguarda non solo i giovani ma tutti noi, sebbene parta da un concetto di questione generazionale.

Presentazione Libro Francesco Cancellato Né sfruttati né bamboccioni a BertoLive

Dopo aver approfondito il tema con chiarezza espositiva e stile piacevolmente informale, l’autore ha voluto indicare nelle “tantissime cose da fare” per risolvere questi problemi la vera grande opportunità davanti a noi.

In fondo – ha detto – non dimentichiamo che la Germania, solo 20 anni fa, era considerata il grande malato d’Europa.

Oltre ad aver arricchito le nostre conoscenze di una serie di informazioni molto utili, la serata è stata per noi stimolante anche per il contributo al progetto del libro “Le 74 keyword per vivere felicemente la passione per il proprio lavoro” che, come qualcuno sa, stiamo scrivendo, per celebrare quello #Spiritodel74 alla base del nostro lavoro.

Il contributo della serata, in questo specifico caso, è stato… negativo.

Non certo nel senso che non è stato utile, tutt’altro, ma nel senso di farci capire non una bensì ben due parole da non usare mai, né nel libro, né nella vita, quando si tratta della più preziosa risorsa per il futuro del paese, cioè i giovani.

Queste due parole sono SFRUTTATI e BAMBOCCIONI.

Francesco Cancellato e Ivana Pais a BertoLive

Come ci ha detto Francesco, a un certo punto della serata:

“La questione giovanile non può fermarsi alle etichette banaloidi come Sfruttati o Bamboccioni”

Siamo d’accordo, lungi da noi affrontare realtà complesse con semplificazioni fuorvianti… e di certo non includeremo queste parole nella nostra personale ricerca, di cui già vi abbiamo dato qualche anticipazione nel post di annuncio della presentazione.

La situazione che ci ha presentato ieri Francesco Cancellato è chiara: è un pugno nello stomaco, una doccia fredda.
In tanti, con la propria individualità e con un po’ di egoismo, cercano di andare avanti facendo finta di niente. Sperando che una “bacchetta magica” possa risolvere tutto. Ma sappiamo che non esiste nessuna bacchetta magica e Francesco ieri l’ha detto chiaramente.

Noi, però, non abbiamo nessuna intenzione di rinunciare ai nostri sogni, tanto meno permettere che qualcuno ci impedisca di sognare e di desiderare di farcela.
Anche se non c’è una strada, anche con mezzi limitati. 
E, nel caso questa strada non ci fosse, la costruiremo.
Come abbiamo sempre fatto, come ci hanno insegnato i nostri padri.
Lavorando sodo, guardando avanti, sognando anche, ma sempre mossi da quello che davvero definiamo lo Spirito del 74. 

Se ieri sera non siete stati con noi, ed avete piacere di leggere qualche contributo scritto in diretta, sul nostro account Twitter trovate un piccolo resoconto delle frasi-chiave della serata, mentre sulla nostra pagina Facebook potete vedere foto e video.

Francesco Cancellato, ivana pais e filippo berto

Berto Salotti Team

Francesco Cancellato a BertoLive Meda showroom berto salotti

Francesco Cancellato a BertoLive Meda showroom berto salotti Francesco Cancellato a BertoLive Meda showroom berto salotti Francesco Cancellato a BertoLive Meda showroom berto salotti Francesco Cancellato a BertoLive Meda showroom berto salotti Francesco Cancellato a BertoLive Meda showroom berto salotti Francesco Cancellato a BertoLive Meda showroom berto salotti Francesco Cancellato a BertoLive Meda showroom berto salotti Francesco Cancellato a BertoLive Meda showroom berto salotti Francesco Cancellato a BertoLive Meda showroom berto salotti Ivana pais a meda bertolive Francesco Cancellato a BertoLive Meda showroom berto salotti Ivana Pais Francesco Cancellato a BertoLive Meda showroom berto salotti Francesco Cancellato a BertoLive Meda showroom berto salotti Francesco Cancellato a BertoLive Meda showroom berto salotti Francesco Cancellato a BertoLive Meda showroom berto salotti

Welcome to Bertostory

Add you text here. Leave this and the heading blank to remove this completely.

FOLLOW US!

Facebook Twitter Instagram GooglePlus Follow Me on Pinterest YouTube Flickr

#BertoLive

Gli argomenti di Bertostory

Archivi